In futuro, numerosi medicamenti soggetti a prescrizione medica per il trattamento di determinate malattie dermatologiche e urogenitali potranno essere dispensati direttamente in farmacia previa consulenza con il farmacista. Il Dipartimento federale dell’interno (DFI) ha approvato le raccomandazioni del gruppo di esperti incaricato del riesame periodico dei medicamenti che possono essere dispensati senza prescrizione medica.

Dal 2019, in seguito all’entrata in vigore delle nuove disposizioni della legge sugli agenti terapeutici (LATer) rivista, i farmacisti possono dispensare, a determinate condizioni, medicamenti soggetti a prescrizione medica per il trattamento di malattie frequenti. L’obiettivo consiste nel rafforzare le competenze dei farmacisti nel prendere in carico pazienti affetti da determinate patologie non gravi. Un gruppo di esperti ha emesso all’attenzione del DFI raccomandazioni sulle patologie che i farmacisti possono trattare e sui relativi medicamenti soggetti a prescrizione medica che possono essere dispensati direttamente.

L’elenco dei medicamenti in questione implicava finora preparati indicati per il trattamento della rinite allergica stagionale (raffreddore da fieno), di malattie dell’apparato digerente (ulcere gastriche, costipazione ecc.) e di disturbi respiratori (broncospasmi). D’ora in poi annovererà anche medicamenti indicati per il trattamento di malattie dermatologiche come l’eczema, l’acne o le micosi, di infezioni ginecologiche come le micosi vaginali o la disfunzione erettile. L’elenco comprende complessivamente 200 medicamenti non rimborsati dall’assicurazione malattie obbligatoria.

L’attuale elenco delle indicazioni e dei medicamenti corrispondenti è pubblicato nell’allegato 2 dell’ordinanza sui medicamenti (OM), nonché sul sito Internet dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).