La revisione totale dell’ordinanza sul fondo per la prevenzione del tabagismo (OFPT), adottata dal Consiglio federale nella seduta del 12 giugno 2020 e che entrerà in vigore il 1° agosto 2020, precisa la base legale che permette ai programmi cantonali di beneficiare di un sostegno finanziario.

I Cantoni rivestono un ruolo chiave nell’attuazione delle strategie nazionali di lotta alle malattie non trasmissibili e alle dipendenze ed è dunque importante che i loro programmi siano finanziati in modo efficace e mirato e riducendo al minimo l’onere amministrativo. La revisione totale dell’OFPT permette di adempiere queste esigenze; il fondo per la prevenzione del tabagismo (FPT) potrà accordare ai Cantoni sussidi sotto forma di contributi forfettari a condizione che, oltre ad adempiere le esigenze richieste, presentino annualmente un rapporto sul loro impiego.

L’FPT è stato istituito per finanziare misure di prevenzione atte a impedire l’iniziazione al fumo, a promuoverne l’abbandono e a proteggere la popolazione dal fumo passivo. Alimentato da una tassa di 2,6 centesimi a pacchetto di sigarette venduto, nel 2019 il fondo disponeva di risorse finanziarie di 14 milioni di franchi.

L’adeguamento dellʼOFPT dà seguito alle raccomandazioni del Controllo federale delle finanze (CDF) del 2018 per la messa in conformità giuridica di finanziamenti fondati sul principio di redditività a beneficio dei Cantoni. Per tener conto anche dello stato attuale della prevenzione del tabagismo è stato necessario rivedere l’intera ordinanza.