La Commissione della politica estera del Consiglio nazionale ha preso atto del rapporto sulla politica economica esterna 2019 (20.008). È inoltre stata informata dal Consigliere federale responsabile Guy Parmelin segnatamente sull’evoluzione della rete degli accordi di libero scambio, sugli sforzi compiuti dalla Svizzera in materia di sostenibilità e sulle sfide nell’ambito della digitalizzazione.

Nel quadro di una panoramica sulla politica economica esterna della Svizzera, il ministro dell’economia Guy Parmelin ha orientato la Commissione in particolare sulle preoccupazioni del Consiglio federale in merito alle attuali incertezze della situazione economica internazionale. Parmelin ha presentato gli effetti dell’erosione dell’ordinamento che disciplina il commercio internazionale che sta alla base del successo dell’economia d’esportazione del nostro Paese e del nostro benessere. In tale contesto la Commissione ha chiesto precisazioni in merito agli sforzi intrapresi dal Consiglio federale a favore della promozione e dell’ulteriore sviluppo dell’approccio multilaterale, segnatamente nel quadro dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). La Commissione è inoltre stata informata in merito alle misure strategiche previste dal Consiglio federale per salvaguardare la competitività della Svizzera in particolare nell’ambito dell’economia digitale del futuro.

Contemporaneamente al rapporto sull’economia esterna, il Consiglio federale ha sottoposto al Parlamento per approvazione un accordo agricolo con Israele, un accordo commerciale con il Regno Unito, un accordo concluso con la Turchia nel quadro del Sistema generalizzato delle preferenze tariffarie e le misure tariffali del 2019. La Commissione ha votato senza opposizione l’entrata in materia per quanto concerne gli accordi agricoli e commerciali e il decreto federale concernente le misure tariffali 2019. Nella votazione sul complesso ha poi approvato all’unanimità i tre accordi e le misure tariffali.

La Commissione è infine pure stata informata in merito all’incontro tenutosi in occasione del recente World Economic Forum di Davos fra rappresentanti del Consiglio federale e il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. In questo contesto è stata di particolare interesse la presentazione dello stato dei colloqui esplorativi in vista della conclusione di un accordo di libero scambio fra la Svizzera e gli Stati Uniti.