Il Servizio monumenti dei Grigioni allestisce e gestisce inventari cantonali di oggetti degni di protezione, come ad esempio siti caratteristici di carattere eccezionale, gruppi di edifici di importanza storica o costruzioni singole di valore artistico. L’inserimento di questi cosiddetti oggetti da proteggere in un inventario cantonale si basa su criteri come rarità, diversità, esposizione a pericoli, valori estetici, ubicazione, dimensioni, funzione ecologica e importanza scientifica. Durante la sessione di febbraio 2019 e la sessione di dicembre 2019 il Gran Consiglio ha indirizzato al Governo due incarichi che affrontano la tematica degli inventari cantonali (incarichi Bigliel e Crameri). Tra l’altro occorre verificare se sia eventualmente opportuno procedere a un blocco o a una sospensione dei lavori di inventariazione fino a quando gli incarichi non saranno stati attuati.
Tenendo conto di questi incarichi, dopo aver preso in esame la situazione e con lo scopo di adottare misure immediate, il Servizio monumenti in veste di servizio competente ha avviato iniziative volte a evitare lavoro supplementare o doppioni in ottica futura nonché a prevenire malintesi. Fino a quando la situazione giuridica non sarà stata chiarita, i lavori di inventariazione si limiteranno quindi principalmente ad attività interne. Ciò significa un blocco dell’elaborazione di liste d’inventario. Tuttavia il Governo rinuncia a sospendere l’attività di inventariazione fino a quando gli incarichi Bigliel e Crameri non saranno stati attuati.