Il Governo lancia un segnale forte a favore della sostenibilità. Nel quadro di un punto centrale di sviluppo del programma di Governo 2017 – 2020 (Sostenibilità [PCSv2], pagina823) esso ha formulato l’obiettivo secondo il quale in futuro l’Amministrazione dovrà rendere le decisioni oggetto di una valutazione più attenta per quanto riguarda la loro sostenibilità e fornire la relativa garanzia. Concretamente questo punto centrale di sviluppo richiede che le idee guida dello sviluppo sostenibile trovino riscontro nei progetti dei Dipartimenti e dei servizi dell’Amministrazione cantonale mediante una valutazione della sostenibilità.
Nel frattempo il Governo ha approvato una strategia per questa valutazione della sostenibilità e la attuerà con effetto al 1° gennaio 2021. Secondo tale strategia, i Dipartimenti e i servizi vengono incaricati di valutare tempestivamente sulla base di criteri predefiniti se un progetto debba essere sottoposto o meno a una valutazione della sostenibilità. Al contempo ricevono l’incarico di integrare la valutazione della sostenibilità nelle procedure e nei loro processi interni. A determinare la necessità di svolgere una tale valutazione saranno la complessità del progetto, la portata degli effetti del progetto nello spazio e nel tempo, la popolazione interessata, i costi e i possibili conflitti tra obiettivi. La valutazione della sostenibilità serve a stimare in modo previdente e completo gli effetti economici, sociali ed ecologici di un progetto, ciò che crea basi decisionali trasparenti.