In considerazione dell’evoluzione del numero di casi l’Ufficio dell’igiene pubblica intensificherà i controlli relativi all’attuazione dei piani di protezione. Inoltre i gestori di strutture accessibili al pubblico e gli organizzatori di manifestazioni devono verificare la correttezza dei dati di contatto registrati e conservarli in elenchi elettronici.

Lunedì l’Ufficio dell’igiene pubblica dei Grigioni è stato informato in merito a nuovi casi di contagio in un campo giovani. Si tratta di circa 100 persone (di cui circa 80 domiciliate nel Cantone dei Grigioni), in prevalenza minori di età compresa tra 9 e 13 anni e assistenti. Durante il campo della durata di sette giorni, nel corso della scorsa settimana sono state svolte prove di rappresentazioni per un concerto di chiusura.

In collaborazione con l’organizzatore i contact tracer hanno potuto adottare in tempi rapidi provvedimenti per il controllo e l’interruzione di catene di contagio. L’organizzatore disponeva di piani di protezione che comprendevano tra l’altro la registrazione di dati di contatto degli spettatori che hanno assistito alle esibizioni. Grazie al tracciamento dei gruppi di spettatori, sono stati posti in quarantena 42 spettatori che hanno assistito al concerto da un settore specifico.

Nel frattempo si sono già verificati altri casi di contagio tra i giovani e gli assistenti. Fino al momento dell’invio del presente comunicato sono 7 le persone risultate positive in relazione al campo giovani. Nonostante le risorse per l’attività di contact tracing siano state adeguate, i contact tracer si trovano ad affrontare ulteriori sfide. Infatti nel fine settimana, ancora prima che si manifestassero i sintomi, alcune persone che avevano partecipato al campo giovani hanno raggiunto un altro campo di vacanze. I circa 30 partecipanti sono stati immediatamente posti in quarantena e il campo di vacanze è stato chiuso.

Attualmente 14 persone si trovano in isolamento, 196 persone sono in quarantena nonché due persone sono ricoverate in ospedale.

Maggiori controlli dei piani di protezione
Nel corso delle ultime settimane si sono verificati vari focolai di infezione, in particolare in strutture di intrattenimento, della ristorazione e del tempo libero. In considerazione di questa evoluzione, su istruzione dell’Ufficio federale della sanità pubblica l’Ufficio dell’igiene pubblica dei Grigioni intensificherà i controlli relativi all’attuazione dei piani di protezione. I gestori di strutture accessibili al pubblico nonché gli organizzatori di manifestazioni devono elaborare e mettere in atto piani di protezione adeguati. Inoltre sono tenuti a verificare la correttezza dei dati di contatto (cognome, nome e numero di telefono) registrati prima di far entrare le persone e a conservarli in un elenco elettronico.

Il controllo e l’applicazione dei piani di protezione rimangono di competenza dei comuni. Questi ultimi devono rafforzare le loro attività di controllo e verificare maggiormente se i piani di protezione nelle strutture accessibili al pubblico nonché in occasione di manifestazioni vengano messi in atto in modo adeguato. A cadenza settimanale i comuni comunicheranno il numero dei controlli svolti e dei provvedimenti disposti all’Ufficio dell’igiene pubblica, il quale inoltrerà questi dati all’Ufficio federale della sanità pubblica.

La protezione della popolazione continua ad avere la massima priorità. Per tale ragione l’Ufficio dell’igiene pubblica continua a invitare a rispettare le regole di igiene e di comportamento. Inoltre raccomanda di indossare sempre una mascherina se non è possibile rispettare la distanza di un metro e mezzo e se non vi sono pareti divisorie.

Ulteriori informazioni per la popolazione e le imprese vengono aggiornate su base continua su www.gr.ch/coronavirus.