Con una partecipazione al voto del 35,79% è stato eletto il 10 giugno il nuovo Governo dei Grigioni, che sarà in carica dal primo gennaio 2019 al 21 dicembre 2022.
La composizione dell’esecutivo retico è la seguente: 2 consiglieri PPD, 1 PLR, 1 PBD e 1 PS.
A seguito dell’esito delle elezioni del 10 giugno, il PPD/PDC ha riconquistato il secondo seggio in Governo toltogli dai socialisti due decenni fa. Come prospettatosi, il PBD è riuscito a conservare un solo dei suoi due consiglieri di Stato. Il PS e PLR/PLD hanno mantenuto il proprio mandato, mentre l’UDC non ha ottenuto alcun seggio.
L’uscente Christian Rathgeb del PLR ha ottenuto il miglio risultato per i cinque seggi in palio (24’434 voti), piazzandosi davanti ad un altro uscente, Mario Cavigelli del PPD. Cavigelli ha ottenuto 23’804 voti mentre 18’960 sono andati l’altro candidato del PPD Marcus Caduff, superando di quasi 500 voti il candidato del PS Peter Peyer (18’466).
Il candidato del PBD Jon Domenic Parolini è arrivato al quinto posto (15’904). Sul PBD ha pesato lo scandalo degli appalti manipolati engadinesi: Parolini, sindaco di Scuol, era informato delle irregolarità, ma aveva fatto poco per porvici rimedio. Il candidato dell’UDC Walter Schlegel, comandante della polizia cantonale dal 2012, ha ottenuto 15’836 voti. Visto l’esile scarto di voti tra il consigliere di Stato uscente del PBD Jon Domenic Parolini e il candidato dell’UDC Walter Schlegel, Coira si sta valutando la possibilità di un riconteggio di voti. Se i risultati saranno confermati, per l’UDC la appena conclusa corsa elettorale è il terzo tentativo fallito di entrare nell’esecutivo retico.
Elezione del Gran Consiglio
Al termine della domenica elettorale, i 120 membri del Gran Consiglio sono così ripresentati: 21 rappresentati del PBD, 35 del PLR/PLD, 29 del PPD/PDC (29), 18 dei socialisti, 9 dell’UDC, 3 dei Verdi liberali e uno senza partito.
Il Partito socialista ha guadagnato tre seggi rispetto alle precedenti elezioni. Anche PLR e Verdi guadagnano un mandato ciascuno mentre il PBD e PPD perdono terreno (-6 e -2 rispettivamente). Soffrendo lo scandalo sugli appalti, PBD non è riuscito a rinnovare quasi la metà dei suoi 27 deputati ma resta comunque la terza forza in seno al Gran Consiglio.
Non tutti i seggi del Parlamento retico risultano assegnati. Nel circondario di Lugnez il candidato eletto Marcus Caduff (PPD) è stato eletto anche in governo ed è dunque necessaria un’elezione complementare. A Jenaz, Roveredo e Thusis si andrà al secondo turno in quando alcuni candidati non hanno raggiunto la maggioranza necessaria.