Quest’anno sono a disposizione complessivamente 470 milioni di franchi per la promozione degli impianti fotovoltaici (FV). Mai prima d’ora l’importo è stato così alto. Pertanto, a breve, non ci saranno più liste d’attesa: a partire da settembre, al termine di un periodo di elaborazione di soli circa tre mesi, sarà versata anche la rimunerazione unica per gli impianti di piccole dimensioni. Oltre ai fondi per la promozione, sono a disposizione anche molti nuovi servizi d’informazione e di consulenza. Inoltre verranno rimossi gli ostacoli giuridici. È quindi giunto il momento per pensare all’installazione di un impianto fotovoltaico.

Dal 28 maggio al 6 giugno 2021, le «Giornate del sole» offrono numerose opportunità per informarsi su tutti i temi riguardanti l’energia solare. È un’ottima occasione. Le modalità per realizzare un proprio impianto solare non sono mai state così semplici.

Sufficienti fondi di promozione

Quest’anno sono disponibili complessivamente 470 milioni di franchi a titolo di rimunerazioni uniche per gli impianti fotovoltaici. Di questi, 270 milioni di franchi sono previsti per gli impianti fotovoltaici di piccole dimensioni con una potenza inferiore a 100 kW e 200 milioni di franchi per i grandi impianti con una potenza superiore a 100 kW. La rimunerazione unica copre a seconda della potenza dell’impianto circa il 20 per cento dei costi d’investimento.

Ampia offerta di servizi d’informazione e di consulenza

Svizzera Energia, il programma della Confederazione per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica, mette a disposizione per la pianificazione degli impianti fotovoltaici numerose guide su www.svizzeraenergia.ch. Anche i profani del settore sono guidati in modo sicuro verso l’obiettivo.

Ad esempio, seguendo le istruzioni della guida «Il tuo impianto solare in soli sette passaggi» si è condotti attraverso tutte le importanti fasi della pianificazione e della realizzazione:

  1. Innanzitutto, i potenziali solari dei tetti e delle facciate devono essere analizzati con l’ausilio di tettosolare.ch e facciatasolare.ch.
  2. Al secondo punto 2 della procedura sono riportate informazioni su come massimizzare il consumo proprio e sull’opportunità di un accumulatore a batteria.
  3. Successivamente, con il calcolatore solare si possono determinare i costi d’investimento e la produzione di corrente dei diversi tipi di impianto.
  4. Dopodiché è opportuno rivolgersi agli installatori qualificati per il supporto concreto e per richiedere un’offerta. Gli specialisti del solare si trovano facilmente su www.professionistidelsolare.ch. Diffidate dalle offerte dubbie che vi giungono telefonicamente o a mezzo posta. Una volta disponibili tre offerte per l’impianto, è possibile rivolgersi a SvizzeraEnergia per ricevere una valutazione e una comparazione gratuita.
  5. Al punto 5, sono riportati dei consigli di SvizzeraEnergia ed è anche possibile scaricare una lettera modello per la notifica dell’impianto al Comune o al Cantone.
  6. Per beneficiare della promozione attraverso la rimunerazione unica, l’impianto deve essere registrato su pronovo.ch.
  7. I lavori possono iniziare non appena l’autorità avrà dato il proprio avvallo. In teoria passano solo alcuni giorni, dopodiché si può iniziare a produrre la propria elettricità. Per il controllo funzionale dell’impianto dopo un paio di anni, la Società svizzera per l’energia solare (SSES) offre la possibilità di far eseguire test di qualità da parte di esperti indipendenti.

Snellimento della procedura amministrativa

Per semplificare la procedura di presentazione delle richieste di rimunerazione unica, Pronovo SA ha sviluppato un portale per la clientela, che permette di inoltrare la domanda per via elettronica e di snellire l’intero iter amministrativo. Per rendere ancora più rapida e semplice la procedura di annuncio e di autorizzazione, SvizzeraEnergia ha pubblicato la «Guida pratica per la procedura di annuncio o autorizzazione di impianti solari». Con il sostegno di SvizzeraEnergia, ancora quest’anno, Swissolar intende lanciare sul mercato «easyAdmin». Questo tool snellirà notevolmente i processi amministrativi che vedono coinvolti, da un lato, i progettisti e gli installatori, e dall’altro Pronovo, i gestori di rete e i Comuni.

Seguire online l’evoluzione del potenziamento del fotovoltaico nei Comuni

Sulla pagina web www.bfe.admin.ch/produzioneelettrica dell’Ufficio federale dell’energia è stata sviluppata una nuova carta con geodati relativi a questo tipo di impianti in Svizzera. I dati riportati permettono di seguire l’espansione degli impianti fotovoltaici in ogni Comune svizzero e di stabilire in che misura il potenziale fotovoltaico disponibile sia già stato sfruttato.

Inoltre, numerosi Uffici federali stanno effettuando svariati studi di base sul fotovoltaico in diversi siti al di fuori delle zone edificabili. Ad esempio: FV & agricoltura, & bacini artificiali e dighe, & parcheggi, & stazioni sciistiche oppure pareti antirumore.

Offensiva formazione per più specialisti nel settore degli edifici

La forte espansione del fotovoltaico in Svizzera necessita di un sufficiente numero di specialisti, in particolare di specialisti che abbiano seguito la formazione appropriata. Per sopperire all’attuale carenza di personale specializzato nel settore degli edifici, SvizzeraEnergia sta elaborando, insieme agli operatori del settore, una roadmap con misure concrete per rimediare sia alla carenza di specialisti che per promuovere le relative competenze in materia energetica.

Inoltre, nel settore del solare, SvizzeraEnergia gestisce il Centro di coordinamento della formazione solare Svizzera, sostiene diverse offerte di formazione continua, tra cui quelle di Swissolar. Con il sostegno di SvizzeraEnergia è in elaborazione anche un testo specialistico orientato alla pratica, destinato a progettisti, responsabili di lavori d’installazione e specialisti dei settori correlati.

Rimozione di ostacoli anche a livello di basi giuridiche di diritto federale

  • A partire dal 1° luglio 2021, l’obbligo di approvazione dei piani per gli impianti di produzione di energia collegati a una rete di distribuzione a bassa tensione verrà abolito. Ciò significa che gli impianti fotovoltaici potranno essere realizzati in modo più semplice, economico e rapido (ordinanza sulla procedura d’approvazione dei piani di impianti elettrici, OPIE). La decisione del Consiglio federale sull’entrata in vigore della revisione dell’OPIE è attesa per fine maggio.
  • A partire dal 1° luglio 2021 verrà semplificato il rilascio dell’autorizzazione d’installazione limitata. Per i professionisti diventerà più semplice ottenere un’autorizzazione d’installazione per tali impianti (ordinanza sugli impianti a bassa tensione, OIBT). La decisione del Consiglio federale sull’entrata in vigore della revisione dell’OIBT è attesa per fine maggio.
  • A partire dal 1° gennaio 2022 sarà semplificata la procedura di certificazione necessaria per la garanzia di origine degli impianti fotovoltaici con una potenza inferiore a 100 kW (revisione dell’ordinanza del DATEC sulla garanzia di origine e l’etichettatura dell’elettricità, OGOE. Consultazione da metà aprile 2021).
  • A partire dal 1° gennaio 2022 vi saranno semplificazioni per quanto concerne la fatturazione dei costi per il «contracting degli impianti» nel raggruppamento ai fini del consumo proprio (RCP) (revisione dell’ordinanza sull’energia, OEN. Consultazione da metà aprile 2021).
  • Nella prossima revisione dell’ordinanza sulla pianificazione del territorio si prevede di semplificare le autorizzazioni edilizie per gli impianti fotovoltaici sugli impianti infrastrutturali al di fuori delle zone edificabili e sulle facciate (sotto la direzione dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale, ARE).
  • Presumibilmente a giugno, il Consiglio federale trasmetterà al Parlamento il messaggio concernente la «legge federale su un approvvigionamento elettrico sicuro con le energie rinnovabili» (revisione della legge sull’energia e della legge sull’approvvigionamento elettrico). Il testo prevede che le attuali rimunerazioni uniche fisse per gli impianti fotovoltaici di grandi dimensioni vengano in futuro fissate attraverso bandi di gara (aste). Il Consiglio federale può prevedere rimunerazioni uniche più elevate per gli impianti di grandi dimensioni senza consumo proprio. Inoltre, nel contesto dell’apertura totale del mercato elettrico diventeranno possibili gli RCP virtuali e l’utilizzazione delle linee di raccordo da parte degli RCP. Infine, i vecchi impianti fotovoltaici riceveranno una garanzia dei diritti acquisiti nei confronti delle rimunerazioni per la ripresa dell’energia elettrica immessa in rete, che prevede che la Confederazioni acquisti per un determinato arco di tempo le loro garanzie d’origine (attuazione da parte di Pronovo).