Il freddo degli ultimi giorni, che ha segnato i minimi di temperatura di questo inverno, ci ha già abbandonato. Una toccata e fuga, tanto per ricordarci che esiste ancora.

Dopo aver fatto la cronaca con valori bassi, che in fondo non hanno segnato nessun record di freddo, la massa d’aria gelida, che ci ha investito negli ultimi giorni, ci ha abbandonato allo stesso ritmo del suo arrivo.

Fig. 1: andamento delle temperature presso le stazioni SwissMetNet di montagna a sud delle Alpi.

La rimonta delle temperature è netta in montagna, dai minimi di domenica scorsa, quando a San Bernardino misuravamo -19.2 gradi, siamo passati dalle prime ore di oggi a temperature positive presso tutte le stazioni di misura oltre 1600 metri, a sud delle Alpi.

Fig. 2: Deviazione dalla norma della temperatura media giornaliera.

Per quelli che “ma che freddo che fa” abbiamo avuto effettivamente qualche giorno dove le temperature medie sono cadute fino a meno 9 gradi al di sotto della norma, ma basta dare un’occhiata all’insieme del mese in corso per rendersi conto che si è tratta di un caso isolato, e da oggi il grafico tornerà in zona positiva. Durante questa prima metà del mese di febbraio ci troviamo attorno alla norma in montagna, mentre in pianura lo scarto risulta già positivo. Secondo le proiezioni mensili a sud delle Alpi anche questo mese di febbraio finirà mediamente con uno scarto positivo.

Quest’inverno ci ha però finora affascinato con nevicate e periodi freddi come non se ne vedevano da anni. In questi mesi a ritmo di pandemia sembra quasi che l’inverno sia uno dei pochi elementi ad essere risultato vicino alla normalità.

Ma sarà veramente finito l’inverno vero?

Un rientro di aria fredda, come negli ultimi giorni, è escluso ritrovarlo nelle prossime settimane; attualmente la tendenza è piuttosto inversa ovvero ritrovare delle temperature miti e oltre la norma climatologica.

Fig. 3: Evoluzione della temperatura media per la prossima settimana a sud delle Alpi. L’altezza delle colonne colorate indica la probabilità che la corrispondente settimana sia più fredda (blu), normale (verde) o più calda (rosso) rispetto alla media pluriennale.

Il trend delle previsioni mensili  per la temperatura media tende nettamente al rosso, il mese di febbraio proseguirà quindi con temperature sopra la media.  

Mentre per chi associa l’inverno alla neve dovrà probabilmente rassegnarsi a non rivederla in pianura.

Anche se in fondo nulla è escluso, in particolare al ritmo di questo clima ballerino, e chissà che dovremo ridiscutere di un colpo di coda dell’inverno.