Le forti precipitazioni iniziate venerdì termineranno solamente nel corso di domenica mattina. A sud delle Alpi sono già stati misurati 100 – 150 millimetri di pioggia, con punte locali fino a 200, e altrettanti millimetri sono attesi entro domenica a metà giornata. Per Bellinzonese, Riviera, Valle di Blenio, Moesano e Val Bregaglia l’allerta è stata innalzata al livello 5, il più alto. Invece per la Val Verzasca, il Luganese e la Val Poschiavo l’allerta è stata innalzata al livello 4.

Situazione meteorologica

Davanti ad una zona di bassa pressione situata sull’Europa nord-occidentale, con forti correnti in quota da sud-ovest, a partire da venerdì masse d’aria instabili e umide provenienti dal Mediterraneo raggiungono il sud delle Alpi e le Alpi Svizzere centrali e orientali. Questa situazione provoca una fase di sbarramento da sud con precipitazioni intense e a tratti temporalesche.

Finora caduti localmente fino a 200 millimetri

Da ieri mattina su gran parte del versante sudalpino sono già caduti più di 100 millimetri di pioggia, localmente fino a 200. Solamente nel Mendrisiotto, in Valle Maggia, in Alta Valle Verzasca, nelle valli Bedretto, Blenio e Poschiavo, così come su buona parte della Leventina, gli accumuli sono risultati inferiori.

Attese ulteriori forti precipitazioni

A partire da sabato pomeriggio e fino a domenica mattina le precipitazioni saranno nuovamente abbondanti e a sud delle Alpi cadranno ulteriori 100 – 160 mm, con locali punte fino a 200 mm. Le precipitazioni manterranno un carattere temporalesco, pertanto si avranno fasi di precipitazioni molto intense alternate a fasi con precipitazioni più deboli. Nel corso della serata di sabato le precipitazioni potrebbero perdere temporaneamente d’intensità, per intensificarsi nuovamente nel corso della notte su domenica. Durante la mattinata di domenica le precipitazioni tenderanno ad esaurirsi a partire dalle regioni occidentali.

Lungo la cresta alpina principale tra la regione del Gottardo e la vallata del Reno sono attesi ulteriori 80 – 140 mm di pioggia, nell’Alta Engadina 50 – 120 mm. Tra le Alpi Urane e la regione di Glarona fino all’Alpstein potranno cadere ulteriori 50 – 100 mm, nel centro dei Grigioni e nel resto dell’Engadina così come dalla regione del Grimsel alla Svizzera centrale 30 – 100 mm.

Limite delle nevicate alto

Durante la fase principale dell’evento, al Sud il limite delle nevicate sarà compreso tra i 3000 e i 3700 metri e calerà solamente domenica verso i 2800 metri. Al Nord, invece, esso calerà gradualmente verso i 2500 metri a partire da ovest.

Allerte di livello 5

Considerando i quantitativi già accumulati, MeteoSvizzera ha innalzato al livello 5, il più alto, l’allerta per Bellinzonese, Riviera, Valle di Blenio, Moesano e Val Bregaglia. Per la Valle Verzasca, per il Luganese e per la Val Poschiavo l’allerta viene innalzata al livello 4. Per le altre regioni del versante sudalpino restano in vigore le allerte di livello 3.

Anche per le regioni della cresta alpina principale tra il Gottardo e la vallata del Reno l’allerta è stata portata al livello 5. La carta dei pericoli sul sito www.pericoli-naturali.ch  fornisce ulteriori dettagli sulla situazione di allerta.

Corsi d’acqua in piena

Come comunicato dall’Ufficio Federale dell’Ambiente, in seguito alle forti precipitazioni da venerdì sera, i livelli dei corsi d’acqua e dei laghi del Canton Ticino e delle Alpi centrali e orientali sono in rialzo e le forti precipitazioni attese accentueranno l’aumento dei livelli delle acque, dapprima in Ticino, poi all’est del Paese. Per molti corsi d’acqua di queste regioni è stato emesso un livello di pericolo di livello 2, per il Ticino di livello 3. Nelle regioni colpite da precipitazioni particolarmente intense o da temporali si prevedono anche scivolamenti o colate detritiche di versante spontanei. Ulteriori informazioni sul sito www.pericoli-naturali.ch  e https://www.hydrodaten.admin.ch/it/ .

Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera