I requisiti per gli ospiti delle case per anziani o di cura sono revocati, a condizione che gli ospiti siano stati vaccinati contro il coronavirus. L’Ufficio dell’igiene pubblica ha preso questa decisione data la comprovata efficacia della strategia di vaccinazione e di test cantonale.

All’inizio di gennaio gli ospiti delle case per anziani e di cura nonché il relativo personale di cura e di assistenza sono state le prime categorie di persone nel Cantone a essere vaccinate contro il coronavirus. Nel frattempo più dell’80% di tutti gli ospiti delle case per anziani e di cura è stato vaccinato due volte e quindi è immune. Due mesi dopo i provvedimenti si dimostrano efficaci: dall’inizio di febbraio in questi istituti non ci sono stati più casi positivi tra le persone vaccinate. Per questo motivo l’Ufficio dell’igiene pubblica ha revocato le regole concernenti le visite nelle case per anziani e di cura decise dal Governo e dall’Ufficio stesso il 26 maggio e il 7 settembre 2020.

I requisiti per gli ospiti delle case per anziani o di cura sono revocati, a condizione che gli ospiti siano stati vaccinati contro il coronavirus.

Revocate le regole concernenti le visite per gli ospiti vaccinati
Gli ospiti a cui è stata somministrata la seconda dose di vaccino da almeno 15 giorni non devono più indossare la mascherina all’interno dell’istituto. Inoltre per queste persone è revocata la quarantena da contatto. Ciò vale anche per gli ospiti neoammessi. I visitatori e i collaboratori a cui è stata somministrata la seconda dose di vaccino da almeno 15 giorni devono invece continuare a indossare la mascherina. Inoltre i nomi dei visitatori vengono registrati in un elenco unitamente ai rispettivi dati di contatto per il tracciamento dei contatti.

Provvedimenti allentati per le persone a cui è stato somministrato il vaccino
Per le persone a cui la seconda dose di vaccino è stata somministrata da meno di 15 giorni, i provvedimenti sono stati allentati. Gli ospiti possono ricevere i visitatori in camera, negli esercizi di ristorazione dell’istituto oppure in locali destinati appositamente a tale scopo. Visite in camere a più letti sono ammesse solo se l’ospite non può lasciare la camera. I visitatori sono ancora tenuti a indossare la mascherina; per ciascuna visita sono ammessi al massimo due visitatori; la direzione della struttura decide in merito a eccezioni. I visitatori devono annunciarsi in anticipo, inserire i loro dati di contatto in un elenco e si impegnano a rispettare le regole di comportamento dell’istituto.

I visitatori devono annunciarsi in anticipo, inserire i loro dati di contatto in un elenco e si impegnano a rispettare le regole di comportamento dell’istituto.

Prosegue l’ampia protezione dei gruppi a rischio
Le visite a ospiti non vaccinati devono avvenire nella camera dell’ospite, negli esercizi di ristorazione dell’istituto oppure all’esterno della casa per anziani e di cura. Inoltre questi ospiti, per quanto possibile, devono indossare sempre la mascherina e rispettare la distanza di sicurezza di 1,5 metri da altre persone. Per gli ospiti neoammessi vale tuttora l’obbligo di quarantena. La quarantena può essere interrotta in anticipo in caso di risultato del test negativo il 7° giorno. Se rifiutano il test, gli ospiti neoammessi devono rimanere in quarantena per 10 giorni. Ciò vale anche per ospiti che hanno avuto contatti con una persona risultata positiva al coronavirus.