Luglio di fuoco e inondazioni, per un verso e per l’altro la situazione nel mondo è quasi al collasso, dagli Stati Uniti all’Europa, i roghi durano per molto tempo e oltre ai danni ambientali e ai pericoli per persone e animali il fuoco sta divorando centinaia di migliaia di ettari di foreste in diverse parti del mondo. Gli incendi sono diventati, molto più intensi alimentati anche dalle temperature elevate e dai forti venti. Atene, la Grecia e Turchia, evacuate centinaia di persone, la situazione è tragica. Il fuoco assedia il Mediterraneo e si alimenta come una macchia d’olio ovunque trovi spazio di azione. Grandi gli sforzi dei Vigili del Fuoco che con il loro contributo tentano di domare l’implacabile ira che sta travolgendo molte parti del pianeta. Incendi senza precedenti continuano a colpire diverse aree, forse “l’allarme” di un nuovo cambiamento climatico? Le temperature non sono piu’ stabili, da una parte il fuoco, dall’altra centinaia di morti per inondazioni devastanti, esiste una correlazione tra clima ed incendi come confermano gli esperti. Studi infatti ci dimostrano che la crisi climatica influenza sempre di più gli eventi meteorologici come ondate di caldo e di freddo anomale che sono sempre più frequenti ovunque.