La Polizia cantonale dei Grigioni ha offerto supporto ai competenti enti pubblici nel controllo del rispetto dell‘ Ordinanza COVID-19 del Consiglio federale. Le competenze in materia sono ripartite tra diversi enti pubblici.

In concomitanza con l’entrata in vigore delle misure di allentamento contemplate nell’Ordinanza COVID-19 del Consiglio federale si è proceduto al controllo del rispetto dei provvedimenti di protezione. I controlli sono stati effettuati dall’Ispettorato del lavoro dell’Ufficio cantonale per l’industria, arti e mestieri e lavoro (UCIAML), dai Comuni e dalla Polizia cantonale dei Grigioni.

Competenze per i controlli

In linea di principio nel Cantone dei Grigioni la competenza per il controllo di strutture compete essenzialmente ai Comuni e all’Ispettorato del lavoro. Quest’ultimo può ordinare la chiusura di aziende in caso di mancanza di un piano di protezione come pure in caso di non osservanza del medesimo, all’uopo può avvalersi del supporto della Polizia cantonale dei Grigioni. La Polizia è autorizzata a procedere indipendentemente a controlli. I controlli relativi agli assembramenti di persone nello spazio pubblico sono di competenza della Polizia. Stando a quanto rilevato dalla forze dell’ordine si registra una diminuzione del consenso nella popolazione per le misure adottate dal Consiglio federale, segnatamente per quelle di distanziamento sociale. Al riguardo durante lo scorso fine settimane sono state inflitte 42 multe disciplinari.

Controlli

Il Comandante della Polizia cantonale dei Grigioni col Walter Schlegel, nel commentare l’attività di controllo degli agenti di polizia, ha dichiarato: “Abbiamo posto l’accento sul rispetto delle misure deliberate. La nostra attività è improntata al buon senso e tende sempre al ricercare il dialogo fruttuoso con la popolazione e i commercianti.”