1’932 sono stati i sinistri nel 2020 sulle strade grigionesi e 12 le persone che hanno perso la vita in incidenti stradali. I feriti sono stati 500, il 18% in meno rispetto all’anno precedente. I dati sono della statistica degli incidenti pubblicata dall’Ufficio federale delle strade (USTRA).

1’932 sono stati gli incidenti stradali registrati dalla Polizia, che si sono verificati sulla rete viaria dei Grigioni. Questo valore corrisponde alla media registrata negli anni 2015-2019 deve essere considerato positivo, se si considera che il parco auto l’anno scorso è aumentato di 2’200 unità.

In diminuzione gli incidenti con feriti o vittime e quelli con danni materiali
Percentualmente sono diminuiti del 17. 3% gli incidenti con feriti o vittime e quelli con soli danni materiali dell’8.9%. Praticamente stabile purtroppo il numero di persone decedute a seguito di un incidente della circolazione (-1). In rapporto ai dati dell’ultimo quinquennio si è registrato una tendenza al rialzo del numero degli incidenti stradali causati da conducenti sotto l’effetto di alcolici. In diminuzione (-19 cioè -24.8%) il numero degli incidenti registrati sulle semiautostrade.

In diminuzione gli incidenti motociclistici mortali e in aumento quelli con velocipedi
Nettamente diminuito è il numero degli incidenti motociclistici. Positivo il dato che segnala in diminuzione sia il numero dei centauri deceduti (- 2) che di quello dei feriti gravi (-24). Aumentati esponenzialmente sono gli incidenti che hanno visto coinvolte le biciclette elettriche e i velocipedi. Due ciclisti hanno perso la vita. Tendenza al ribasso anche per i pedoni rimasti feriti in incidenti. Tuttavia si lamenta una vittima.

Fattori rischio: l’alta velocità e la distrazione
L’alta velocità è stata la causa di 185 incidenti stradali (-17.7%). Questo dato è riconducibile all’intensificazione dei controlli stradali. Lievemente in diminuzione gli incidenti la causa è da imputare alla distrazione o disattenzione al volante, circostanza questa che attesta il loro alto potenziale di rischio e l’attualità del fenomeno.