Il Governo ha risposto alla petizione “Keine Hauruckübungen in Graubünden” in riferimento alla pandemia di coronavirus. I promotori della petizione hanno criticato il fatto che i provvedimenti cantonali volti a contenere la diffusione della COVID‑19 siano stati attuati senza dare un adeguato preavviso. Inoltre chiedono che vengano definiti criteri chiaramente misurabili per quanto riguarda la durata dei provvedimenti attuati. 1150 persone hanno sostenuto la petizione.

Il Governo comprende la richiesta di un preavviso più lungo in relazione alla disposizione di provvedimenti volti a contenere la diffusione della COVID‑19. Purtroppo, per via di fattori non influenzabili non è sempre possibile garantire un tale preavviso. Per esempio possono verificarsi circostanze che richiedono un intervento immediato. Si pensi ad esempio a cambiamenti significativi e repentini della situazione epidemiologica o a provvedimenti urgenti correlati a decisioni adottate a livello federale. Tuttavia il Governo si impegna ove possibile a garantire un preavviso sufficientemente lungo.
Il Governo comprende anche la seconda richiesta relativa alla definizione chiara dei criteri. Tuttavia le esperienze raccolte finora in Svizzera e all’estero in relazione alla pandemia di coronavirus dimostrano che a causa della complessità degli eventi e delle circostanze è estremamente difficile definire in anticipo criteri vincolanti per l’introduzione, l’inasprimento e la revoca di provvedimenti. Tuttavia il Governo cercherà di agire nel modo più trasparente e prevedibile possibile anche in questo senso.

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni