Le malattie che sono lunghe e che progrediscono lentamente sono considerate croniche. Questi includono malattie cardiovascolari e respiratorie, diabete, cancro, malattie muscoloscheletriche, depressione e demenza. Le persone di tutte le età possono soffrire di una malattia cronica. Tuttavia, le persone anziane sono particolarmente colpite. Secondo il National Health Report 2015, circa 2,2 milioni di persone in Svizzera soffrono di una malattia cronica.

Le persone con una malattia cronica vogliono vivere una vita il più normale possibile. Grazie al trattamento terapeutico e terapeutico, al sostegno dei loro parenti e del loro ambiente sociale e alla forza che hanno sviluppato nel trattare la loro malattia, molte delle persone colpite possono organizzare in gran parte la propria vita quotidiana in modo indipendente. Spesso sono ancora impiegati.

Tuttavia, con alcune delle persone colpite da una malattia cronica, le restrizioni associate alla malattia implicano che devono rinunciare al loro lavoro, che si ritirano dal loro social network e diventano soli. Il dolore cronico in particolare può avere un effetto restrittivo sulla qualità della vita, della vita sociale, della mobilità e dell’occupabilità. In tali casi, il sostegno dei parenti e dell’ambiente sociale può aiutare le persone con malattie croniche a far fronte alla vita di tutti i giorni, rimanere integrate e continuare a partecipare alla vita sociale. Un grave problema in questo contesto, tuttavia, è che il potenziale di supporto per le persone anziane è inferiore, poiché le dimensioni del social network diminuiscono con l’aumentare dell’età.

Le persone con una malattia cronica spesso non osservano la loro malattia e il loro dolore quando la malattia non ha cause organiche. In tali casi, le persone colpite sfortunatamente affrontano ripetutamente la mancanza di comprensione del loro ambiente, nella migliore delle ipotesi anche al lavoro. Invece, affetto ed empatia sarebbero richiesti. Ciò significa che anche i malati cronici senza segni esterni riconoscibili di malattia sono percepiti dall’ambiente circostante come malati e non valutati come “simulanti”. A nessuno piace essere ammalato.

L’integrazione sociale e la partecipazione alla vita sociale e culturale hanno un’influenza positiva sulla qualità della vita dei malati e sul loro stato di salute. Cura, consolazione e discussioni, ma anche un aiuto pratico come i servizi di guida possono aiutare a prevenire l’isolamento sociale dei malati e, se necessario, consentire loro di avere contatti ed eventi fuori casa.

Tutti noi dobbiamo impegnarci affinché i malati possano rimanere socialmente integrati e partecipare alla vita sociale e culturale. Siamo chiamati a cercare coloro che ci circondano che sarebbero felici per una visita, una passeggiata, assistenza o altro supporto. Sono consapevole che molte persone stanno già facendo del loro meglio per aiutare altre persone e integrarle nella società. A questo punto vorrei esprimere i miei ringraziamenti e apprezzamenti a queste persone. Il giorno dei malati dovrebbe essere un incentivo per tutte le altre persone a impegnarsi maggiormente a favore dei nostri simili. Stiamo facendo abbastanza o potremmo fare un po ‘di più con buona volontà?
Forse ci vuole uno sforzo per entrare in contatto con i malati. Ma puoi essere sicuro che le persone malate saranno grate per ogni contatto e supporto.