Poco prima delle ore 8 del mattino, il macchinista di 48 anni ha guidato l’escavatore su una strada di un cantiere. Quando ha provato ad abbassare in acqua le pompe che trasportava con il braccio meccanico, l’asfalto ha ceduto. L’escavatore si è ribaltato ma il macchinista è stato in grado di saltare fuori dalla cabina del conducente e salvarsi sulla riva. È scappato con l’orrore. Martedì notte l’escavatore è stato recuperato in un’operazione complessa con due gru pneumatiche. Erano in servizio anche membri dei vigili del fuoco dell’Albula e della brigata petrolifera Thusis, uno specialista dell’Ufficio per la natura e l’ambiente e un subacqueo.