Il progetto di riforma «Ulteriore sviluppo dell’esercito» è attualmente in fase di attuazione. Varie ordinanze devono essere adattate o emanate. Nella sua seduta del 20 novembre il Consiglio federale ha approvato un ulteriore pacchetto di ordinanze che entreranno in vigore il 1° gennaio 2020.

L’Ulteriore sviluppo dell’esercito (USEs) ha come obiettivo un esercito più piccolo ma più flessibile e meglio equipaggiato. La sua attuazione è iniziata il 1° gennaio 2018 e durerà circa cinque anni. Come constatato dal Consiglio federale nel suo rapporto dello scorso giugno, in generale l’attuazione dell’USEs prosegue come previsto. Per l’attuazione della revisione della legge militare (LM) occorre rivedere una serie di ordinanze. Il Consiglio federale ha già adeguato alcune di queste ordinanze. Oggi ha approvato altre revisioni che entreranno in vigore il 1° gennaio 2020. Nel corso dell’attuazione seguiranno ulteriori revisioni di ordinanze.

Ordinanza concernente l’appoggio a favore di attività civili e di attività fuori del servizio mediante mezzi militari: la terminologia utilizzata dagli organi incaricati della valutazione delle domande e delle decisioni sarà adattata al sistema di denominazioni introdotto con l’USEs. In futuro, ciò dovrebbe evitare malintesi da parte dei richiedenti. Il Consiglio federale ha inoltre abolito le esigenze elevate in materia di assicurazione di responsabilità civile applicate finora nell’ambito dell’utilizzo degli aeromobili. In effetti, tali esigenze hanno reso impossibile alle piccole organizzazioni o ai singoli individui richiedere prestazioni d’appoggio, anche se le altre esigenze erano adempiute. Per esempio, data l’urgenza temporale, non è praticamente possibile né ragionevole per un contadino di montagna, che dipende da un trasporto urgente di acqua per le sue mucche in alpeggio, stipulare in tempo utile un’assicurazione di responsabilità civile per l’elicottero dell’esercito impiegato.

Inoltre, le prestazioni d’appoggio in relazione all’eliminazione di munizioni ed esplosivi civili, alla lotta aerea contro incendi di vaste proporzioni in zone edificate e nell’ambito dell’acquisizione informativa secondo la legge federale sulle attività informative sono ora espressamente menzionate e disciplinate nell’ordinanza. Ciò copre un bisogno crescente delle autorità civili. Tali prestazioni possono essere decise mediante procedura urgente, in particolare a causa dei margini di tempo ristretti nel caso di tali eventi.

Ordinanza concernente l’istruzione premilitare: questa revisione adegua i corsi d’istruzione premilitare alle esigenze e alle circostanze attuali. In particolare, tali corsi sono ora previsti anche in ambito ciber. Secondo la revisione, la responsabilità per la definizione degli obiettivi, la pianificazione e il controllo viene assunta dalla relativa formazione d’addestramento. Anche il processo finanziario è stato verificato e adeguato. In questo contesto, alcuni termini sono stati aggiornati.

Ordinanza sull’attività fuori del servizio nelle società militari e nelle associazioni militari mantello: il Comando Istruzione dell’Aggruppamento Difesa è ora incaricato di vigilare sull’attività volontaria fuori del servizio sostenuta dalla Confederazione e svolta nelle società militari e nelle associazioni militari mantello riconosciute, come pure di controllare tale attività. È stato altresì necessario adeguare le denominazioni di varie unità organizzative.

Ordinanza sulle strutture dell’esercito: con questa revisione viene creato in particolare un pool di personale. In questo pool di aspiranti, i militari che durante la loro istruzione e perfezionamento ricevono una proposta per un livello d’istruzione e di perfezionamento superiore possono essere gestiti amministrativamente in maniera efficiente. In precedenza, l’incorporazione di questi militari doveva essere modificata più volte.