Percorsi di formazione nelle scuole specializzate superiori: edizione 2020.

Le scuole specializzate superiori (SSS) costituiscono un’importante via di certificazione di grado terziario per le persone titolari di un attestato federale di capacità (AFC). Quasi l’80% degli studenti che si iscrivono a una SSS ha conseguito un AFC e il 10% una maturità professionale. Queste scuole offrono inoltre la possibilità di far riconoscere competenze acquisite in precedenza, fatto che permette di portare a termine la formazione più rapidamente. Il 14% delle persone che si iscrivono a una SSS approfittano di tale opportunità. Queste scuole vantano alti tassi di successo, considerando che oltre l’80% degli iscritti si diploma; è quanto emerge da uno studio realizzato dall’Ufficio federale di statistica (UST).

Sul mercato del lavoro svizzero, la domanda di manodopera con un diploma di grado terziario è elevata. Per i titolari di una formazione professionale di base, la possibilità di effettuare formazioni di grado terziario riveste grande importanza. All’inizio dell’anno accademico 2018/2019, le SSS contavano 33 741 studenti.

Circa l’80% delle persone iscritte hanno alle spalle una formazione professionale di base

L’ampia maggioranza delle persone che si iscrivono a una SSS ha precedentemente conseguito un AFC (79%) o una maturità professionale (10%). Le altre hanno invece scelto una SSS dopo aver ottenuto un diploma di scuola di cultura generale, una maturità specializzata o una maturità liceale. Questi tre tipi di titolo di studio sono spesso associati a formazioni in campi specifici come quelli della «assistenza sociale», dei «servizi alla persona», della «sanità, esclusi la medicina umana e il personale infermieristico» e del «personale infermieristico».

Il profilo sociodemografico degli studenti che si iscrivono alle scuole specializzate superiori è simile a quello dei titolari di un AFC. Nonostante sia leggermente più frequente rispetto ai titolari di un AFC che le persone neoiscritte a una SSS abbiano un genitore con diploma di grado terziario (25 contro 43%), esse si distinguono dagli studenti di una scuola universitaria professionale (SUP), che nella maggior parte dei casi hanno un genitore con un diploma di grado terziario. Le SSS sono inoltre caratterizzate da una quota importante di immigrati di prima generazione (13%, senza contare le persone venute specificatamente a studiare in Svizzera, contro il 10% delle SUP).

Per il 14% dei nuovi iscritti si tiene conto delle competenze acquisite in precedenza

Le SSS offrono agli studenti la possibilità di farsi riconoscere alcune delle competenze precedentemente acquisite allo scopo di abbreviare la durata della formazione. Nel 2017, infatti, circa il 14% delle persone che si sono iscritte a una SSS ha iniziato la sua formazione saltando il primo anno di programma. La maggior parte di loro non era mai stata iscritta prima a una formazione di grado terziario.

I neioiscritti a una SSS che beneficiano del riconoscimento di competenze acquisite in precedenza seguono più spesso la formazione parallelamente all’attività professionale ed è più frequente che abbiano più di 25 anni. Inoltre, tali riconoscimenti sono concessi più spesso nella Svizzera tedesca, in particolare a causa di una maggiore presenza, in questa regione linguistica, di SSS appartenenti al settore privato non sovvenzionato.

Il diploma è conseguito in più dell’80% dei casi

Nei cinque anni successivi all’inizio della formazione in una SSS, più dell’80% degli iscritti consegue un diploma. Il 69% di loro conclude la formazione con un percorso lineare, il 5% consegue il diploma dopo la ripetizione di un anno, una bocciatura o un riorientamento e il 6% lo fa dopo un’interruzione della formazione. Questi tassi di successo sono simili a quelli osservati nelle scuole universitarie.

I tassi di successo nelle SSS sono più alti per le donne (86%) e per gli Svizzeri nati in Svizzera (84%) nonché, per quanto riguarda le discipline di studio, nei campi «contabilità, marketing e segreteria» (94%) e «vendita all’ingrosso e al dettaglio» (93%). I tassi di successo diminuiscono invece con l’avanzare dell’età (75% a partire dai 30 anni, contro l’85% delle persone che hanno iniziato la formazione prima dei 22 anni).