Caldo anomalo poco lontano dal circolo polare artico.

Mentre l’Europa occidentale sta soffrendo le inclemenze di un tempo fresco e instabile da diverse settimane, con una successione di gocce fredde che affondano verso le isole Britanniche, la Francia, i paesi del Benelux e la Germania e parte del nostro Paese, niente del genere è accaduto più a est. Rimonte di aria calda da sud dal bacino del Mediterraneo, lungo un asse Egitto-Siberia occidentale, stanno permettendo alle temperature di raggiungere valori notevoli per la stagione, localmente fino a 12 gradi sopra la norma, con valori che si spingono o superano i 30 °C, in alcuni luoghi polverizzando record decennali o mensili.

Fig. 1: Temperature massime raggiunte oggi, poco lontano dal Mar Bianco 32 °C!

Mentre ieri il mercurio ha raggiunto un picco di 15,5°C a Parigi, 15,3 a Zurigo, ha superato i 32°C non lontano dal Mar Bianco con 32,1°C ad Arkhangelsk, 1000 km a nord di Mosca, e 25 km a sud del Mar Bianco, ovvero a 64 gradi di latitudine nord.

La soglia dei 30 °C è stata superata al Circolo Polare Artico a Nizhnyaya Pesha.

Fig. 2: Mosca

Da diversi giorni, le temperature massime hanno raggiunto i 30°C o più tra il Kazakistan e la Russia occidentale fino agli Urali e persino a latitudini molto settentrionali, oltre i 60° Nord!  Alcune stazioni hanno battuto i record, come Ulyanovsk (34,0°C), Poretskoe (33,5°C), Tambov (32,9°C), Nizhny-Novgorod (31,7°C). Nel Kazakistan nord-occidentale, la stazione di Uralsk ha battuto il suo record mensile di maggio con 36,0 °C il 18/05, battendo i 35,4 °C del 1967!

A Mosca, il termometro ha raggiunto i 30,8 °C martedì (30,6 °C lunedì), e la notte su mercoledì il termometro non è sceso sotto i 20 °C, notte tropicale dunque!!

Da un approfondimento di MeteoFrance.