Il Governo ha approvato il progetto “Cunicolo di sondaggio dello scivolamento di Brienz” del Comune di Albula/Alvra e ha garantito a tale scopo un contributo cantonale pari al massimo a 9,5 milioni di franchi. I costi complessivi preventivati del progetto, incluso l’esercizio, ammontano a circa 10,6 milioni di franchi. Nei prossimi anni il cunicolo di sondaggio lungo circa 600 metri dovrà fornire dati fondamentali per quanto riguarda un risanamento dello scivolamento. Grazie al cunicolo dovrebbe essere possibile studiare e definire le caratteristiche della parte stabile della montagna al di sotto dello scivolamento nonché della massa in movimento stessa. Se i risultati del sondaggio saranno positivi, il cunicolo di sondaggio potrà essere trasformato in un cunicolo per l’evacuazione delle acque. Le dimensioni della sezione trasversale del cunicolo permettono di realizzare un cunicolo per l’evacuazione delle acque su una lunghezza pari circa a 1,8 chilometri. Inoltre il progetto “Cunicolo di sondaggio dello scivolamento di Brienz” prevede un piano di monitoraggio che illustra gli effetti positivi e negativi che un sistema di evacuazione delle acque comporta per la zona in movimento.

Gli scivolamenti di Brienz sono molto complessi e attualmente rappresentano una delle sfide maggiori nella gestione di movimenti di massa nell’area alpina. A seguito dell’elevata velocità di movimento dello scivolamento monte, la quale è aumentata notevolmente nel corso degli ultimi anni (fino a 7 metri all’anno), anche la frazione di Brienz/Brinzauls e i suoi dintorni sono esposti a un pericolo di cadute di grandi massi o di frane.

Foto ©Ufficio federale di topografia