Altro

    Le aziende & professionisti di Grigioni News

    Il Governo svizzero rafforza la Protezione Civile

    - Pubblicità -

    Il governo svizzero, in data 8 maggio 2024, ha preso la decisione di migliorare l’apporto di personale nella protezione civile attraverso la revisione parziale della legge federale sulla protezione della popolazione e sulla protezione civile (LPPC). Questa decisione è stata presa in risposta alla carenza di effettivi che si sta manifestando nel servizio di protezione civile, con l’obiettivo di garantire una prestazione efficace del servizio civile nel tempo.

    Una delle principali misure proposte è l’estensione dell’obbligo di prestare servizio di protezione civile a determinate categorie di persone, tra cui coloro soggetti all’obbligo di servizio militare e gli ex militari. Questa estensione mira a garantire una fornitura costante di personale qualificato per affrontare le sfide emergenti.

    Inoltre, la revisione propone l’abolizione del principio del domicilio, consentendo così ai militi della protezione civile di essere assegnati nei Cantoni con carenza di effettivi. Si prevede inoltre che i militi della protezione civile inizino l’istruzione di base entro due anni dal reclutamento, garantendo così una pronta disponibilità per le organizzazioni di protezione civile.

    Una parte importante della revisione riguarda anche il coinvolgimento delle organizzazioni di protezione civile come istituti d’impiego per il servizio civile. Questa disposizione permetterà di utilizzare i civilisti per affrontare le carenze di personale, senza tuttavia sottoporli all’obbligo di prestare servizio di protezione.

    Al fine di facilitare l’approvazione delle nuove disposizioni, la revisione della legge sarà suddivisa in due disegni di legge, separando le questioni relative all’obbligo dei civilisti di prestare servizio nella protezione civile da altre novità proposte.

    Infine, alla luce dei feedback ricevuti durante la consultazione, si è deciso di rinunciare alla trasferimento dei compiti legati alle sirene ai Cantoni, prolungando invece il periodo transitorio di quattro anni. Questa decisione consentirà una valutazione più approfondita delle competenze necessarie nell’ambito delle sirene da parte della Confederazione e dei Cantoni.

    In sintesi, la revisione proposta mira a garantire una fornitura costante di personale qualificato per la protezione civile, consentendo al contempo una gestione più efficiente delle risorse disponibili.

    - Pubblicità -

    Social

    - Pubblicità -

    - Pubblicità -

    Ultimi articoli dalla redazione

    500 Anni del Libero Stato delle Tre Leghe – Dieta a Ilanz/Glion

    Con il tema "Gettare ponti insieme e vivere la storia", il 1° e 2...

    Campagna nazionale e internazionale per la misurazione aerea della radioattività

    La Centrale nazionale d’allarme (CENAL) dell’Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) effettuerà i...

    Canton Giura: condizioni disumane e degradanti nel carcere di Porrentruy

    Durante un colloquio bilaterale tenutosi lunedì 5 febbraio 2024, la Commissione nazionale per la...

    Rapporto sugli appalti pubblici USTRA 2023

    Nel 2023, l'Ufficio federale delle strade (USTRA) ha assegnato 2739 appalti per un valore...

    _