Altro

    Le aziende & professionisti di Grigioni News

    Il Consiglio Federale rafforza la solidarietà nell’assicurazione malattie includendo gli assicurati residenti all’estero nella compensazione dei rischio.

    - Pubblicità -

    Il Consiglio Federale ha adottato una modifica alla legge federale sull’assicurazione malattie (LAMal) per rafforzare la solidarietà nell’assicurazione malattie includendo nella compensazione dei rischi gli assicurati residenti all’estero. Questa modifica è stata introdotta per evitare che gli assicuratori-malattie siano incentivati ad assicurare solo le persone il più possibile sane. La compensazione dei rischi fa in modo che ci sia una compensazione finanziaria tra assicuratori con differenti strutture di rischio. In questo modo, quelli che assicurano poche persone con un elevato rischio di ammalarsi versano tasse alla compensazione dei rischi, mentre quelli che assicurano numerosi rischi elevati ricevono contributi da essa.

    La revisione della LAMal includerà anche gli assicurati residenti all’estero nella compensazione dei rischi dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS). Ciò riguarda principalmente le persone assicurate in Svizzera sulla base del diritto europeo di coordinamento delle assicurazioni sociali. Nel 2021, il numero di persone appartenenti a questo gruppo di assicurati era di circa 170.000, soprattutto frontalieri provenienti dalla Germania e dalla Francia. Molti di questi assicurati beneficiano di prestazioni dell’AOMS in Svizzera grazie al loro diritto di scegliere il luogo di cura.

    La loro inclusione nella compensazione dei rischi rafforza la solidarietà nell’ambito dell’AOMS. Con la nuova regolamentazione, in futuro tutti gli assicurati dell’AOMS – tranne poche eccezioni – saranno considerati nella compensazione dei rischi. Tuttavia, i premi degli assicurati residenti all’estero sono calcolati separatamente dagli assicuratori-malattie e in genere sono inferiori a quelli applicati in Svizzera, anche perché attualmente i relativi assicurati non sono inclusi nella compensazione dei rischi. In seguito alla modifica, questi premi potrebbero aumentare, in particolare negli Stati con un’elevata quota di frontalieri.

    I frontalieri sono generalmente persone in buona salute. Per loro gli assicuratori dovranno versare corrispondenti tasse nella compensazione dei rischi. Di questi versamenti supplementari beneficeranno gli assicurati dei Cantoni in cui lavorano i frontalieri. Di rimando, soprattutto in Cantoni come Ginevra e Basilea-Città, in cui lavorano molti frontalieri, gli assicurati domiciliati nel Cantone dovrebbero essere sgravati in seguito alla revisione della compensazione dei rischi.

    Nel Cantone del Ticino questa revisione non avrà ripercussioni tangibili sui premi medi cantonali, poiché la maggioranza dei frontalieri è assicurata in Italia e quindi non può essere inclusa nella compensazione dei rischi.

    La modifica della LAMal richiederà anche l’introduzione di uno scambio elettronico di dati tra Cantoni e assicuratori in base a una procedura uniforme simile a quella già esistente nell’ambito della riduzione dei premi. Ciò agevolerà per entrambe le parti compiti quali la verifica dell’osservanza dell’obbligo di assicurazione e l’assegnazione della quota parte cantonale delle cure ospedaliere. L’obiettivo dello scambio di dati è anche di evitare i casi di doppia assicurazione.

    - Pubblicità -

    Social

    - Pubblicità -

    - Pubblicità -

    Ultimi articoli dalla redazione

    PROGETTO 3000 – DESIGNING FUTURE: DAL CONCEPT ALLA REALIZZAZIONE, UNO STAFF DI PROFESSIONISTI LEADER NELLA PROGETTAZIONE E NELLE METALCOSTRUZIONI

    Progetto 3000 è una importante realtà nel settore delle metalcostruzioni, nella progettazione e nelle...

    Modifiche all’ordinanza sull’asilo per ridurre i costi supplementari per la Confederazione

    La Confederazione intende apportare alcune modifiche all'ordinanza 2 sull'asilo, relative alle questioni finanziarie, al...

    Impegno multinazionale per affrontare le sfide globali: rapporto annuale 2023 sulla politica migratoria estera svizzera

    Nell'anno 2023, la politica migratoria estera della Svizzera ha dovuto affrontare un numero record...

    Collaborare contro le molestie sessuali online

    Molti adolescenti subiscono molestie sessuali su internet, un fenomeno che può avere gravi ripercussioni....

    _